Aurora

Desiderio, custode del segreto,

resti immobile nei giri di Heschl,

come musica sconosciuta e immaginata

nei ritmi brevi, le circonvoluzioni

timbriche, le altezze.

Vibra nella scatola del tempo

una meccanica che torna

lieve nelle brezze autunnali

o in un rimprovero della mente.

Chi tace non sente che il suo camminare

nel vuoto asciutto d’un barbaglio.

E che sia scoglio e non isola il suo sbaglio

lo abbiamo deciso in due,

tristi sinfonisti predicatori del nulla.

Miriana Focosi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...