Bullone e Quell’altro – BAM!

suicide

Lo posso vedere bene quello che succede se continuo, succede che sono quella cosa brutta e morta allo specchio con gli occhi i capelli e assai pelle che non è mia, non sono io. Io sono adesso, insieme, sono tutto, l’universo intero negli occhi, sonno e sveglio insieme, errido errido, santo, Gesù, sonoddio.

E lo sentivo Dio, era dappertutto, nelle cose che erano già scritte, nelle cose che vedevo, che toccavo, lui che mi faceva scrivere e che mi diceva le cose all’orecchio.

Se continuavo diventavo la cosa brutta morta – l’ho capito, alla fine mancava solo un giorno in più e ero morto e poi continuavo a morire nella vita. Io avevo fatto tutto, avevo vissuto trentatremila anni e avevo 25 anni, essì.

Se non mi uccidevo ero morto e dovevo continuare a vivere, come quelli che muoiono e li legano alle macchine che respirano per fare l’anima robot. È come i cani alla fine, come i cani che diventano vecchi perdono il pelo soffrono e cacano ovunque e stanno male e il padrone che gli vuole bene BAM! essì BAM! allora bam ebbasta. Che adesso sono tutto.

Mo’ scrivo prima ogni cosa, scrivo prima tutto quello che devo fare che già lo vedo, lo scrivo in questo libro, scrivo la parte finale che mi uccido che tanto già lo vedo e poi lo faccio, ecciao. E allora scrivo.SUICIDE GUN

Michele Noccioli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...