Europa – poetica di uno stupro animale

Europa amava il mare. Lo contemplava, ci si perdeva dentro – e il Mediterraneo lasciava che il sole si rifrangesse sulla sua immensa distesa azzurra per illuminarle il viso ed i capelli, per contemplarla a sua volta e perdersi nei suoi occhi color del vento. E lei vedeva in lui un altro mondo, un mondo…