Lettera del 30 gennaio 2015

Pyongyang, 30 gennaio 2015 Ho aspettato a scrivervi perché ormai era da cinque giorni che non uscivo di casa se non per andare al lavoro. Andata e ritorno, senza voltarsi indietro, cercando di stare nella massa, nei mezzi pubblici, cercando di non rimanere da solo. Oggi sono uscito per andare a prendere da mangiare. Non…

Eunuco I

Cinesi come vasi alle porte voraci d’Avignone. Papa, papessa, formica inoc. Ti dispero e spero nella tua benevolenza bambina. Pechino era un sogno lontano la città proibita una casa, una culla, una cella, un memento: non Cristo ma foglia impeto amico senza seme ormai Eunuco senza segno futuro lingua senza linguaggio…. faggio. Aritmide