Resurrezione

Ho disegnato su un foglio il tuo corpo, il tuo viso: capelli di stoppa, insanguinati dallo sterpo reciso, sangue rappreso, pesto, negli occhi inciso il travaglio rugginoso e composto e sul collo il segno lasciato dal nero capestro. Oh mio Maestro, sul tuo petto secco la deformità delle piaghe, la carne fatta brani e vagine…

Cigno – Plutone

Cigno Chiedermi se sia stata o no non ha più senso di quanto insieme abbiamo creduto fingersi in un sogghigno il volto informe della notte. Credi forse utile paragonarmi al cigno oggi che siamo in due a rendicontare attenti ogni imprevisto? Plutone Parlano di me fanciulle inebriate dall’afrore gentile del mio vento. Con mani annerite…

La resurrezione dello storpio cremato

Una volta c’era Salvatore Boccaviglia figlio di un’altra figlia senz’occhi né ciglia. Aveva due bocche, una in alto, una in basso, faccia-caviglia. E se una pregava l’altra mangiava, se una bacia, l’altra sputa, se una canta, l’altra latra. Non era bello, non era brutto, era uno storpio, ecco tutto. La prima voce diceva “va bene”,…

Europa – poetica di uno stupro animale

Europa amava il mare. Lo contemplava, ci si perdeva dentro – e il Mediterraneo lasciava che il sole si rifrangesse sulla sua immensa distesa azzurra per illuminarle il viso ed i capelli, per contemplarla a sua volta e perdersi nei suoi occhi color del vento. E lei vedeva in lui un altro mondo, un mondo…