Vita/Spazio

Ho passato una vita a cercare questo spazio e adesso eccolo ultimo residuo di speranza e dannazione sarà sepoltura per le mie parole o forse di più la mia Tomba una voglia di non vivere altro che il confine tra questo in- -chiostro e   Miriana Focosi e Annunci

Io/Tu

Tu sei il mio padrone egoista. Finiscimi senza pensare: oltre i nostri occhi (specchi di specchi) restano i miei tacchi più alti, le foto bruciate per l’occasione da un manipolo di eroi, un ultimo saluto alla finzione d’un assassino braccato, vinto poi, nel tuo/nostro libro più vecchio. Forse tu ed io non siamo diversi, solo…

Onore

Il triscele occhiava sbieco l’andirivieni delle canne nella lupara, come chi aspetta indomito il guizzo argentino nel viavai della lampara che s’immortali freddo di piombo al cospetto della pellicola da impressione. Non che siano frutti di stagione le grida affannose delle vedove nere, né sincerandosi col prete chiede uno sconto di pena l’uomo d’onore. Intanto…

Cellulosa

Nel microfilm che mi porgesti i sonetti eufuisti delle dame prostituite alla nostra miseria di lettori ora morti cantano in posa. Per quali ragioni fuggi adesso che anche tu sei cellulosa? Miriana Focosi