A – B

A E venne Agostino vestito da migrante con occhi racchiusi fucili inesplosi nel giorno splendente che fu tormento lontano negritudine degli incesti la mano indicante il giudizio nello sguardo lo strepito delle labbra cucite. Scolpite nel braccio vene azzurre scelerate. Fede, Speranza, Carità ci nominò a dito, battezzò maschere di vetro. E venne Agostino nominò,…

Agosto

Venerdì è giorno di pesce la famiglia mangia la seppia nuda la bella giovenca figlia di padre balordo offre cruda la buona novella a quell’uomo dal sesso ritorto. La guarda seduta e gli cresce la fame di quella pietanza che se non nell’abbondanza nel ventre sventrato si sazia. Credeva fosse una seppia ma quel giorno…